All posts in Notizie sindacali

La R.S.U. eletta in questo Istituto, ai sensi dell’art.8 comma 3 lettera a) del CCNL del 24.07.2003, comunica l’indizione di un’assemblea sindacale in orario di servizio destinata al personale Docente dalle ore 8 alle ore 10 del giorno mercoledì 12 maggio 2021 con il seguente ordine del giorno:

– Contrattazione d’istituto anno scolastico 2020/2021;

All. N,1 Circolare_n.240_Assemblea_Sindacale_Docenti_12_maggio

La data simbolo è quella delle prove Invalsi, test finalizzati a valutare nulla delle capacità critiche, degli avanzamenti degli apprendimenti, dei progressi individuali degli studenti ai quali ci opponiamo da sempre con lo sciopero di mansione. Quest’anno invece proclamiamo lo sciopero dell’intera giornata, perché in una condizione in cui la scuola dovrebbe essere al centro dell’attenzione di ogni membro del Governo e del Parlamento per consentire la frequenza in assoluta sicurezza del 100% degli studenti e dei lavoratori, si dà il via a riaperture propagandistiche, senza quelle condizioni che, come diciamo da un anno e più ormai, devono essere messe in atto immediatamente per garantire contemporaneamente il diritto alla salute e il diritto all’istruzione dal nido all’università.

Ribadiamo che per aprire le scuole completamente e in assoluta sicurezza occorrono:

• l’immediata assunzione in ruolo delle migliaia di precari con almeno tre annualità di servizio svolte attraverso un concorso per titoli e servizi;
• l’immediata assunzione in ruolo degli insegnanti di sostegno specializzati;
• un piano di mobilità su tutti i posti vacanti per consentire il ritorno nelle proprie province dei docenti esiliati dalla legge 107 e non solo;
• l’abolizione del vincolo quinquennale per i neoimmessi in ruolo;
• l’aumento concreto di assunzioni del personale ATA, oggi più che mai oberato di compiti e responsabilità divise tra le troppo esigue forze in servizio;
• la riduzione reale del numero di alunni ad un massimo di 15 per classe che garantisca ambienti salubri e una didattica efficace;
• un piano di edilizia scolastica che risolva le gravi carenze strutturali degli edifici in cui lavoratori e studenti trascorrono la massima parte della loro attività;
• l’avvio del secondo bando per l’internalizzazione del personale di pulizia nei ruoli ATA, che chiuda un capitolo vergognoso di sfruttamento dei lavoratori;
• il ritiro immediato dell’intesa sulla regolamentazione del diritto di sciopero che riduce sensibilmente le possibilità di azioni di protesta sia da parte dei singoli lavoratori che da parte delle Organizzazioni Sindacali conflittuali.

In questa condizione, al secondo anno scolastico di didattica a distanza e depauperamento culturale e sociale degli studenti, prioritario per il MIUR è lo svolgimento dei test Invalsi.

Chiediamo che il MIUR si impegni a investire i fondi del Recovery Plan non sulla digitalizzazione e sulla didattica a distanza, ma sui reali bisogni della scuola.

Ricordiamo alle lavoratrici e ai lavoratori che non esiste alcun obbligo di comunicare l’adesione allo sciopero al Dirigente Scolastico, né anticipatamente né nel giorno stesso dello sciopero prima dell’inizio dell’orario di servizio.

 

Volabntino USB sciopero del 6 maggio 2021

PETT.DIRIGENTE.UNICOBAS:CIRCOLARE.del.MINISTERO.

L’UNICOBAS CONFERMA LO SCIOPERO PROCLAMATO PER IL 6 MAGGIO CON MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA SOTTO IL MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, V.LE TRASTEVERE, h.9.00. ECCO IN ALLEGATO LA CIRCOLARE DEL MINISTERO DEL MINISTERO DELLA FUNZIONE PUBBLICA CHE LO ANNUNCIA, NONCHE’ UN VOLANTINO PRODOTTO DAL SINDACATO DA AFFIGGERE ALL’ALBO SINDACALE unitamente alla presente nota.

LO SCIOPERO RISULTA QUINDI REGOLARMENTE PROCLAMATO DA UNICOBAS, COBAS SARDEGNA ed USB, E CHIUNQUE PUO’ ADERIRVI INDIPENDENTEMENTE DALLE EVENTUALI (PERALTRO SANZIONABILI) LACUNE INFORMATIVE IN CAPO ALL’AMMINISTRAZIONE. LO SCIOPERO DEVE VENIRE RESO NOTO A DOCENTI, ATA, GENITORI E POPOLAZIONE STUDENTESCA.

 

I DIRIGENTI SCOLASTICI SONO TENUTI A DARNE IMMEDIATA COMUNICAZIONE AI LAVORATORI ED ALL’UTENZA, SIA CON AVVISO PER IL TRAMITE DEI DOCENTI TUTTI, SIA PER MEZZO DI AVVISO DA AFFIGGERE FUORI DELL’ISTITUTO, AVVERTENDO CHE “CAUSA SCIOPERO IL GIORNO 6 MAGGIO NON SI GARANTISCE IL SERVIZIO”.

 

I LAVORATORI NON SONO TENUTI A DICHIARARE ANTICIPATAMENTE L’ADESIONE O MENO ALLO SCIOPERO: SE RITENGONO, HANNO LA FACOLTA’ DI COMUNICARE CHE NON HANNO ANCORA DECISO E CHE DECIDERANNO LA MATTINA DEL GIORNO STESSO.

 

DOCENTI ED ATA INCARICATI A TEMPO INDETERMINATO O DETERMINATO, CHE NON RISULTERANNO PRESENTI A SCUOLA E CHE NON SI SIANO DICHIARATI IN MALATTIA, RISULTERANNO AUTOMATICAMENTE IN SCIOPERO.

 

LA PRESENTE, PER RICHIAMARE UN PRECISO DOVERE STABILITO DALLA LEGGE 146/1990 (E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI), IN CAPO AI DIRIGENTI SCOLASTICI: QUELLO DI AVVISARE PER TEMPO DOCENTI, ATA E FAMIGLIE.

 

LO SCIOPERO COPRE L’INTERA GIORNATA, STRAORDINARI ED ATTIVITA’ AGGIUNTIVE, PROGETTI, COLLEGI DOCENTI E RIUNIONI.

 

LO SCIOPERO è proclamato contro le Leggi n.° 27 del 24.4.2020 e n.° 41 del 6.6.2020, approvate inaudita altera parte senza tener conto dei vincoli contrattuali vigenti né del mansionario, nonché dello stato giuridico di Docenti ed Ata, ma neppure delle regole statuite sul telelavoro, sul rispetto della privacy di docenti e studenti, o su quanto attiene al funzionamento degli Organi Collegiali (Dprr 416 e 417/74); per la corresponsione di un’indennità di rischio pari ad euro 250 netti a tutto il personale della scuola ed onde richiedere maggiori investimenti per il contratto nazionale scaduto; nonché per una vera, qualificata e rapida campagna di assunzioni per il distanziamento fra alunni ed alunni e docenti e per la riduzione del numero di alunni per classe a massimo 10 unità, onde coprire tutti i vuoti in organico del personale Docente (240mila docenti) ed Ata (40mila unità di collaboratore scolastico e 10mila fra personale di segreteria e collaboratori tecnici), anche con riferimento a ciò che attiene agli ex Lsu-Lpu; per 500 milioni di investimento (come fatto dalla Germania) per la sanificazione continua dell’aria negli edifici scolastici; per un piano di investimenti pari a 13 miliardi per il risanamento dell’edilizia scolastica, nella misura dell’80% non a norma rispetto al DLgs 81/90 e per il 50% priva persino dell’agibilità; contro le prove Invalsi; contro il vincolo quinquennale di permanenza dopo l’assunzione nella prima sede scolastica; per significative modifiche relativamente al bando dei concorsi per l’assunzione del personale Docente; per lo stanziamento da parte del Governo di 100 milioni per il risarcimento e l’adeguamento di pensioni e stipendi per gli Ata ex Enti Locali che, come hanno riconosciuto ben 10 sentenze della Suprema Corte Europea, sono stati defraudati dell’anzianità pregressa; per uno stato giuridico ed un mansionario degno del personale educativo; per contrastare l’approvazione della legge sulla regionalizzazione (o “autonomia regionale differenziata”); contro qualsiasi irragionevole ed improponibile estensione del calendario scolastico.

La scrivente Organizzazione Sindacale ANIEF convoca un’assemblea sindacale per tutto il personale docente a tempo determinato e indeterminato della provincia in intestazione in data 10/05/2021 dalle 8.15 alle 10.15 (o prime due ore di servizio).

L’assemblea sarà svolta in maniera telematica, attraverso la piattaforma web “MICROSOFT Teams” presieduta da Rodrigo Verticelli (Presidente regionale), Francesca Marcone (Vice Presidente regionale) Annamaria Cianci (DSGA) Luigi Fiorentini (Presidente provinciale)

INTERVERRÀ il Presidente nazionale MARCELLO PACIFICO
Punti all’ordine del giorno:
1 parte: Aggiornamento sulla normativa scolastica recente – Decreto Sostegno, DaD e disconnessione, organici, Stabilizzazione Concorsi e reclutamento, Formazione, etc;
2 parte: Rinnovo CCNL- Atto di indirizzo Piattaforma Contrattuale ANIEF e proposte di modifica;
3 parte: #AniefTiAscolta – suggerimenti dalla base: dialogo e confronto.

Il personale scolastico interessato, per poter partecipare, deve cliccare al seguente link: https://anief.org/as/NF6V (seguire le istruzioni presenti all’interno della pagina, compilando il form non obbligatorio si potrà fornire l’autorizzazione per la ricezione di materiale e informazioni).
Oppure direttamente al link: https://bit.ly/3sBV9pS

Limite max partecipanti 300 soggetti; non saranno ammessi soggetti non identificati con nome e cognome.
La presente convocazione ha valore di richiesta di indizione di assemblea; di informazione ai lavoratori attraverso gli strumenti telematici e di affissione all’albo sindacale on line ovvero in apposita sezione del sito dell’istituzione scolastica.
Si richiede di allegare la presente alla comunicazione destinata al personale interessato e per ragioni organizzative, di comunicare al seguente indirizzo mail meet@anief.net il numero dei
partecipanti all’assemblea.

 

 

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ANCONA

LOCANDINA ANCONA 

Si comunica che per l’intera giornata del 6 maggio 2021 sono state proclamate le seguenti azioni di
sciopero:
– Cobas Scuola Sardegna: “sciopero nazionale per tutto il personale Docente, Ata, Educativo e Dirigente, a
tempo determinato e indeterminato, del comparto scuola (istruzione), in forza sia alle sedi nazionali che
a quelle estere”;
– USB P.I. Scuola: “sciopero intera giornata di tutto il personale del comparto scuola docente, ata,
educativo e dirigente a tempo determinato e indeterminato delle scuole in Italia e all’estero”;
– Unicobas Scuola e Università: “sciopero intera giornata per tutto il personale docente ed ata, a tempo
determinato e indeterminato, delle scuole in forza sia nelle sedi nazionali che in quelle estere”.
Inoltre, relativamente alla sola scuola primaria, sono stati proclamati per la medesima giornata i
seguenti scioperi:
– Cobas – Comitati di base della scuola: “sciopero nazionale dell’intera giornata per il personale docente,
educativo e ata della scuola primaria”;
– Sindacato Generale di Base SGB:
– “sciopero breve delle attività funzionali connesse alle sole prove INVALSI”, “per le attività di
SOMMINISTRAZIONE dei test e per tutte le ulteriori attività connesse alla gestione dei test
INVALSI per il 6 maggio 2021”;
– “sciopero delle attività funzionali connesse alle sole attività di CORREZIONE E TABULAZIONE
delle prove di cui al punto precedente” “a partire dal 6 maggio 2021 e per tutta la durata delle
attività di correzione e tabulazione delle prove come calendarizzate da ogni singola istituzione
scolastica”.

Continua a leggere in Nota-Ministeriale.2021.001697

Dopo otre un decennio e in piena pandemia… continua a leggere i dettagli in ALL. 1 Volantino SGB Sciopero Invalsi 2021

Read more

Con riferimento alla procedura indicata in oggetto, in allegato si trasmette il Decreto Ministeriale 20 aprile 2021 n. 138 – qui inviato dalla Direzione Generale per il personale scolastico con nota prot. n. AOODGPER.0012283 del 21 aprile 2021 assunta al protocollo di questo Ufficio con gli estremi m_pi.DRMA.REGISTRO UFFICIALE.I.0007684.21-04-2021 – con il quale il termine di presentazione delle domande di inserimento / aggiornamento nelle graduatorie di 3^ fascia per il conferimento di supplenze al personale A.T.A., originariamente fissato al 22 aprile 2021 ai sensi dell’art. 4, comma 1, del D.M. 3 marzo 2021 n. 50, è stato prorogato al 26 aprile 2021.

 

IL DIRETTORE GENERALE
Marco Ugo Filisetti

 

ALL.01 DM-138-2021_Proroga termini presentazione domande 3 fascia ATA

Comunichiamo che sono stati pubblicati sul sito dell’Ufficio Scolastico Regionale i Bandi per l’aggiornamento e per l’inserimento della Graduatorie ATA 24 mesi, riservate cioè a coloro che hanno svolto almeno 24 mesi di servizio nelle Scuole Statali. 
Le domande dovranno essere presentate esclusivamente con procedura informatica sulla
piattaforma POLIS – Istanze on line del Ministero dell’IStruzione.
Gli interessati per accedere ad Istanze on line dovranno possedere le vecchie credenziali (username e password) o, in alternativa, di una Identità Digitale SPID.
Coloro i quali avessero necessità di consulenza per la presentazione della domanda sono pregati di compilare la scheda allegata (AN Richiesta consulenza Ata 24 mesi) e di spedirla al seguente indirizzo di posta elettronica:
Sara cura degli operatori CISL SCUOLA contattare coloro che hanno fatto richiesta di consulenza per concordare le modalità di presentazione della domanda. 
Cordiali saluti.
    LA SEGRETERIA
CISL SCUOLA MARCHE

Pubblicato all’Albo Sindacale della scuola e trasmesso via e-mail ai DOCENTI DI RELIGIONE  il comunicato in allegato, come è ormai d’uso richiedere,  SENZA ALCUNA MODIFICA DEL FILE (in PDF) al fine di poter utilizzare i link ipertestuali presenti nel notiziario.

 

UIL SCUOLA IRC INFORMA N.10

Logo FLC CGIL

Lunedì 19 aprile si è svolto l’incontro del Ministero dell’Istruzione con i sindacati del comparto “Istruzione e ricerca” sul protocollo di sicurezza per la ripresa delle attività didattiche in presenza al 100% dal 26 aprile. Il resoconto dettagliato dell’incontro.

In questi ultimi mesi le scuole del primo ciclo hanno frequentato in presenza nella maggioranza delle regioni, tuttavia ciò che sarebbe stato necessario per la riapertura in presenza al 100% in tutti gli ordini e gradi non è stato ancora realizzato, con il paradosso che la campagna di vaccinazione dedicata al personale scolastico è stata bloccata.

A margine dell’incontro Francesco Sinopoli, segretario generale della FLC CGIL denuncia: “Ci troviamo davanti a un atto di volontà politica non supportato da condizioni reali. Prima di decidere la riapertura al 100% in presenza bisogna riprendere subito la campagna di vaccinazione, rinnovare i protocolli di sicurezza, effettuare tracciamenti, anche a campione, valutare i dati dei vaccinati, ancora non disponibili. In caso contrario non c’è alcuna garanzia per studenti e personale scolastico”.

La FLC CGIL di fronte a questa determinazione del Governo, assieme alla richiesta dell’immediata ripresa delle vaccinazioni al personale scolastico, ritiene necessario ottenere i dati relativi alla quantità di personale vaccinato, e se con prima o seconda dose. È, questo, un passaggio necessario per un rientro in sicurezza nel tempo più breve possibile assieme al quale occorrono quei provvedimenti che da mesi riproponiamo alla politica, come l’aggiornamento dei protocolli di sicurezza, che sono fermi all’estate del 2020 e l’attivazione di un’efficace azione di tracciamento con tamponi in via prioritaria per la scuola. Occorre poi potenziare i trasporti (che sono il luogo dove le persone che frequentano la scuola corrono i rischi maggiori di contagio) e consentire che le scuole – supportate dagli uffici scolastici regionali, e non più costrette a seguire le discutibili decisioni delle Regioni e/o delle Prefetture – possano auto organizzarsi circa gli orari di ingresso e d’uscita, la durata delle lezioni e quant’altro occorra per garantire il lavoro e le lezioni in sicurezza.
Infine, dove gli alunni non possono portare la mascherina bisogna prevedere e garantire al personale la mascherina FFP2.

Chiediamo dunque che il Governo rivaluti la scelta per la ripresa attività scolastiche in presenza al 100% dal 26 aprile prossimo e lavori concretamente per raggiungere l’obiettivo in sicurezza a partire, lo ribadiamo, dalla ripresa immediata della campagna di vaccinazione.

Leggi il resoconto dettagliato dell’incontro.